QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Logo
DIREZIONE DIDATTICA
2° CIRCOLO - "Aldo Moro" 

via F. Magellano - 06024 Gubbio (PG)
Tel: +39 075 9273919

 

Gubbio è una delle città umbre dove si può trovare una scuola pubblica ad indirizzo montessoriano. La Casa dei bambini e la scuola primaria Montessori sono situate nel centro storico della città presso il complesso monumentale di S. Pietro. Il tempo scuola della scuola primaria è un tempo prolungato, con due rientri pomeridiani e settimana breve. La scuola Primaria condivide gli spazi vissuti con la “Casa dei Bambini”, ciò favorisce il processo di continuità educativa sia dal punto di vista delle attività sia del paradigma culturale. Vi è una mensa luminosa che apre le sue finestre sul chiostro del convento, ampi corridoi, invece, permettono lo svolgersi di attività di vita pratica, psicomotricità e laboratori musicali.

Sede: Piazza S.Pietro - 06024 Gubbio (PG)
Tel: +39 075 9274600 scuola dell'infanzia
Tel: +39 075 9274600 scuola primaria

Il chiostro piccolo del complesso Monumentale di San Pietro dove sorge maestosa la Scuola Montessori
Il chiostro piccolo del complesso Monumentale di San Pietro dove sorge maestosa la Scuola Montessori Loggiato del chiostro grande che conduce alla Biblioteca… un ponte verso la conoscenza
   
 La  Biblioteca Sperelliana una grande opportunità Il Refettorio della Biblioteca Sperelliana un luogo da fruire per vivere la cultura.

 

Il perché di una scelta…

Il presupposto su cui si basa l’indirizzo differenziato montessoriano è che “ogni persona sviluppi un’identità consapevole e aperta.” Maria Montessori ha proposto un metodo di lavoro basato sulla predisposizione di un ambiente scientificamente pensato, dove armonia dei colori, materiale di sviluppo, arredi a misura di bambine e bambini consentano agli stessi di esprimere la propria personalità e soddisfare i propri bisogni formativi. Ciò che lei chiamava individualizzazione e che oggi con un lessico più consapevole chiamiamo personalizzazione altro non è che dare la possibilità a tutti di costruire il proprio percorso di educazione/informazione seguendo i personali stili cognitivi.

 

Il lavoro dell’indirizzo didattico differenziato poggia  su alcuni assunti centrali:

  • Le bambine e i bambini.
  • L’ambiente di apprendimento.
  • L’insegnante “regista” dell’ambiente educativo di apprendimento.

Ciascuna bambina e ciascun bambino è un potenziale umano, che custodisce in sé il prezioso patrimonio della sua persona e che in un ambiente favorevole diventerà atto e splendore. L’insegnante è regista dell’azione educativa, è colei che osserva, che attrae e si ritrae fornendo gradini di appoggio allo sviluppo. Ma il protagonista del processo di istruzione/educazione è il bambino. Maria Montessori credeva nella capacità di auto educarsi. Come ricordano le Indicazioni, il processo di educazione/istruzione deve “e-ducere”, cioè tirar fuori da ognuno ciò che egli è. La celebre frase di Maria Montessori “Il bambino non è un tubo digerente, ma una mente assorbente” ricorda che il bambino non è un qualcosa da riempire, ma è una mente in via di arricchimento che assorbe e rielabora ciò che il mondo gli propone, attraverso un’orchestrazione dialettica tra eredità e ambiente.